sabato 18 giugno 2011

Giù il cappello e tutti in piedi davanti al lavoro


...
«Oh, tutti i disgraziati con la schiena che brucia
sotto il sole feroce, che vanno e tornano,
che in questo lavoro senton scoppiare la fronte...
Giù il cappello, miei borghesi! Oh, questi son gli uomini!
Siamo operai, sire, operai! Noi siamo
per i grandi tempi nuovi in cui si vorrà sapere
e l'uomo forgerà da mane a sera,
cacciatore di grandi effetti, di grandi cause,
in cui vincendo lentamente dominerà le cose
e monterà sul Tutto come su di un cavallo!
...

da Il Fabbro di Arthur Rimbaud

2 commenti:

  1. Grande Rimbaud, poeta veggente e grande Benigni, poeta del presente.

    RispondiElimina
  2. Chiapperi, me la sono persa ...

    RispondiElimina