martedì 1 dicembre 2015

I nemici della cultura

facce della stessa medaglia

Risultati immagini per tremonti giulio
24desk1f03-poletti-512x150

aveva iniziato Tremonti Giulio nell'ottobre 2000:
... il Ministro dell’economia, giustifica alcuni discutibili tagli alle attività culturali ricordando che la cultura non si mangia.
Al termine del Consiglio dei ministri di oggi, Tremonti avrebbe ribadito il proprio pensiero così: Di cultura non si vive, vado alla buvette a farmi un panino alla cultura, e comincio dalla Divina Commedia.
fonte: Post

Poletti Giuliano, perito agrario e odierno Ministro del Lavoro, va preso sul serio quando invita a laurearsi subito con un voto da schifo o a lavorare gratis al mercato. In un paese dove gli imprenditori non sono laureati (come Poletti), e si rivalgono sui figli di nessuno, il progetto è la guerra all’intelligenza collettiva.  fonte: il Manifesto

Si rischia di rivalutare il pensiero di Cesare Lombroso

16 commenti:

  1. Non riusciranno nel loro intento ;)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a volte penso ci siano già riusciti :(

      Elimina
  2. Si ma anche il resto non è che sia meglio...si riempion tutti la bocca , fatti : zero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. solo chiacchiere e distintivo disse Al Capone

      Elimina
  3. Poletti ha detto le stesse cose che ha detto Jovanotti qualche tempo fa ..ahahahahahaha!!!!! siamo messi bene ! :D

    RispondiElimina
  4. Ho idea che negli ultimi decenni stiano emergendo, o in ogni caso si rendono più visibili persone (o leader) che sono i peggiori di una categoria, di un gruppo sociale, e questo avvenga fra l'indifferenza collettiva, sorretto dalla rivalsa del peggio contro il meglio, e dallo stupore attonito e vagamente impotente di chi si accorge di ciò che sta succedendo, ma ne è talmente stupito che non sa reagire o teme che qualsiasi reazione sia inutile.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi capita di sorprendermi di continuo e non so decidere se sia il sintomo di residua sanità mentale o semplicemente senso d'impotenza.

      Elimina
  5. A memoria d'uomo noi, noi italiani, non siamo mai caduti così in basso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. noi italiani abbiamo avuto momenti anche peggiori, ma è vero che questo ci tocca viverlo.

      Elimina
  6. beh ma stiamo parlando di un ex Lega Coop... detto tutto

    RispondiElimina
  7. Quello che sappiamo è l'unica cosa che non ci possono togliere con qualche "taglio" e così si prova a far si che non si sappia poco già alla radice.
    Amarezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il letargo delle coscienze è tale che, anche se provi a fare girare quello che sai, non si accendono reazioni signficative.

      Elimina
  8. Quello che ancor di più mi fa cadere le braccia, è che con questi 500 euro concessi agli insegnanti per cultura, aggiornamenti e cose più o meno inerenti alla professione, la maggior parte delle persone che si sono viste finora in libreria ci hanno comprato le 50 sfumature di grigio/rosso/nero o i lego di star wars per i figli. Sti politici fanno paura, ma certi altri italiani manco scherzano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A loro "immagine e somiglianza"...
      Ritengo che traggono la loro forza nell'identificazione di molti nelle peggiori manifestazioni e nella vaga sensazione di vittoria di uno schieramento politico (?) fino a prima tenuto ai margini.

      Elimina