domenica 2 settembre 2018

A proposito di: xenofobia, sovranismo, esercito industriale di riserva...

Chemnitz fino alla caduta del muro si chiamava Karl-Marx-Stadt

 

«Abbiamo tutti un’amica, un compagno, un amante, una parente, un vicino di casa, una collega che fino a pochi anni fa era inequivocabilmente di sinistra, ma da qualche tempo ha la mania di leggere dei blog un po’ ambigui, di seguire pagine Facebook che ci lasciano perplessi, di citare cazzari patentati come se fossero importanti pensatori controcorrente, di fare discorsi che riecheggiano quelli di Salvini ma in versione “comunista”…»
Uno spettro ci porta in volo nei luoghi della lotta di classe, dove si vede che certi discorsi “marxisti” contro l’immigrazione non solo di marxista non hanno nulla, ma sono una truffa ai danni delle lavoratrici e dei lavoratori. Di tutti i lavoratori: immigrati e autoctoni.

 

da contropiano.org:  

Wu Ming, Marx e l’esercito industriale di riserva 

Lotta di classe, mormorò lo spettro. Una miniserie in due puntate: 

puntata 1

puntata 2

5 commenti:

  1. Articolo molto lungo e divertente (anche se l'esempio negativo ha il mio nome ... e questo mi fa ancora più ridere). A me questo citare Marx a sproposito, mi fa venire in mente quando Fini citava Gramsci. Un mio amico mi diceva che Marx è studiato in particolar modo negli Usa, e questo interesse in parte è per smontare le sue teorie, tra le più forti in assoluto. Facile supporre che quindi, questi "pensatori" che si trovano online siano nati in laboratorio, per diffondere questa interpretazione di Marx di comodo.

    RispondiElimina
  2. io intorno sento una sensazione di vuoto, spesso riempita da falsità e superficialità

    RispondiElimina
  3. Tutti ci propongono soluzioni facili a problemi complessi, imbonitori televisivi per chi è disposto a credere che certe soluzioni funzionino come le pillole magiche per dimagrire. E i pomodori dell'articolo sono solo uno degli innumerevoli esempi possibili.
    Ciao Berica, buona domenica.

    RispondiElimina
  4. Basterebbe farsi due settimane in inghilterra - non certo il paradiso terrestre - ma un melting pot dove turchi,inglesi,musulmani in genere convivono. E poi un salto alla tate modern,british museum,national gallery per condire l'inefficacia del razzismo con una carrot cake.
    (madmath-child.blogspot.com)

    RispondiElimina
  5. Già...l'ho pensato spesso anche io ultimamente Berica! Tanto per citarne una, mi piacerebbe sapere se i vaffanculisti contro le ruberie della politica hanno detto qualcosa sui 49 milioni da restituire in 80 anni! La sinistra ce l'abbiamo solo noi dentro! Un abbraccio

    RispondiElimina