lunedì 4 gennaio 2021

LA MIA ANIMA HA FRETTA

Mario de Andrade - Home | Facebook
Ho contato i miei anni ed ho scoperto che ho meno tempo da vivere da ora in avanti, rispetto a quanto ho vissuto finora…

Mi sento come quel bimbo cui regalano un pacchetto di dolci: i primi li mangia con piacere, ma quando si accorge che gliene rimangono pochi, comincia a gustarli intensamente.
Non ho più tempo per riunioni interminabili, in cui si discutono statuti, leggi, procedimenti e regolamenti interni, sapendo che alla fine non si concluderà nulla.
Non ho più tempo per sopportare persone assurde che, oltre che per l’età anagrafica, non sono cresciute per nessun altro aspetto.
Non ho più tempo, da perdere per sciocchezze.
Non voglio partecipare a riunioni in cui sfilano solo “Ego” gonfiati.
Ora non sopporto i manipolatori, gli arrivisti, né gli approfittatori.
Mi disturbano gli invidiosi, che cercano di discreditare i più capaci, per appropriarsi del loro talento e dei loro risultati.
Detesto, se ne sono testimone, gli effetti che genera la lotta per un incarico importante.
Le persone non discutono sui contenuti, ma solo sui títoli…
Ho poco tempo per discutere di beni materiali o posizioni sociali.
Amo l’essenziale, perché la mia anima ora ha fretta…
Non ho più molti dolci nel pacchetto…
Adesso, così solo, voglio vivere tra gli esseri umani, molto sensibili.
Gente che sappia amare e burlarsi dell’ingenuo e dei suoi errori.
Gente molto sicura di se stessa , che non si vanti dei suoi lussi e delle sue ricchezze.
Gente che non si consideri eletta anzitempo.
Gente che non sfugga alle sue responsabilità.
Gente molto sincera che difenda la dignità umana.
Con gente che desideri solo vivere con onestà e rettitudine.
Perché solo l’essenziale é ciò che fa sì che la vita valga la pena viverla.
Voglio circondarmi di gente che sappia arrivare al cuore delle altre persone …
Gente cui i duri colpi della vita, abbiano insegnato a crescere con dolci carezze nell’anima.
Sí… ho fretta… per vivere con l’intensità che niente più che la maturità ci può dare.
Non intendo sprecare neanche un solo dolce di quelli che ora mi restano nel pacchetto.
Sono sicuro che saranno squisiti, molto di più di quelli che ho mangiato finora.
Il mio obiettivo, alla fine, é andar via soddisfatto e in pace con i miei cari e con la mia coscienza.
Abbiamo due vite e la seconda inizia quando ti rendi conto che ne hai solo una.
 
Mario de Andrade, poeta brasiliano
 
Mario de Andrade è stato definito il poeta del tempo prezioso, Poeta, musicologo, critico letterario e narratore brasiliano, ritenuto uno dei fondatori del modernismo brasiliano. Nato a San Paolo, 9 ottobre 1893  e mancato in San Paolo, 25 febbraio 1945, fu grande amico di Ungaretti, del quale certamente avrà condiviso l’amore per l’essenziale.
Questa particolare poesia può essere un ottimale spunto di riflessione interiore per riacquisire il bando della matassa nella propria esistenza.
 
 
Da non perdere:

mercoledì 16 dicembre 2020

Quali sono le priorità?

Pare che nella bozza del cosiddetto Recovery plan, siano previsti per la sanità solo nove miliardi dei 193 messi a disposizione tra sovvenzioni e prestiti Ue, relegandola incredibilmente all'ultimo posto tra le priorità del paese.

Anche se qualcuno morirà, pazienza. Queste parole gravissime e inaccettabili sono di Domenico Guzzini, presidente di Confindustria Macerata, al convegno "Made for Italy per la moda", presenti il sindaco di Macerata (lega) e il governatore regionale (fdi). Infelice battuta di cui pentirsi subitaneamente che però svela gli obiettivi e gli appetiti della lobby. E fa sorridere la preoccupazione di qualche benpensante europeo riguardo le mire della mafia sui soldi dell'Ue.

Qui, nella regione "gialla", da decenni viviamo vicini a numerose, pericolose e dispendiose basi militari USA, mentre l'acquisto degli aerei da combattimento F35 non è mai stato messo in discussione. Qui, molti ospedali sono stati chiusi e ricostruiti altrove per la felice lobby dei costruttori. Qui, il grande business della pedemontana veneta, l'inutile opera che ha già devastato l'ultimo lembo di campagna veneta cantata da Goethe, provoca disagi ancora lungi dall'essere finiti nonostante la propaganda dell'informazione mainstream. A guadagnare sono sempre i soliti, quelli che prosperavano con l'ex presidente di regione Galan, agli arresti domiciliari dopo aver patteggiato per corruzione, e continuano a prosperare con il suo ex braccio destro che ne ha preso la poltrona, recentemente confermata da "percentuali bulgare"

La stampa locale:

Covid-19, sanità veneta «allo sbando»

Covid-19, sanità veneta «allo sbando»

Il Caracol porta in piazza Matteotti una cinquantina di persone e durante la protesta punta l'indice contro palazzo Balbi. E così Zaia finisce nel mirino pure per l'aumento «incredibile» dei contagi e dei decessi: esposti alla procura berica e in quelle di Venezia, Treviso, Padova e Verona

 Qui per leggere l'articolo



Potrebbe interessarti: https://www.vicenzatoday.it/attualita/covid-19-sanita-veneta-allo-sbando.html