venerdì 18 gennaio 2019

Siamo pronti?


Negli anni 70, il cinema di Hollywood, nella sua migliore stagione, aveva già elettrizzato il titolo di un film.
Correvano tempi molto diversi dagli attuali; le speranze erano ancora intatte e i buoni, alla fine, vincevano sempre o quasi sempre.
La donna elettrica è un fim multi lingue, multiculturale ma profondamente nordico.
Un certo iper-realismo di cui avevo già scritto a proposito di altri splendidi lungometraggi pensati nel nord Europa, si propone come chiave di lettura di questa realtà stanca e di retroguardia dove i "conservatori" e i "buonisti" sono i veri innovatori e la modernità ha la faccia dura del capitalismo.
Il commento sonoro è straordinario e partecipa attivamente all'azione.
Il campo totale in chiusura, ci dice che siamo tutti profughi o lo possiamo diventare e che il migrante climatico non è diverso da quello economico o da quello che fugge dalla guerra: è sempre una questione di capitalismo.

10 commenti:

  1. Spero di vederlo prima o poi. Nei cinema dove andiamo noi è passato al cineforum(spero in un ripescaggio nel circuito normale in primavera/estate).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale la pena di rincorrerlo...

      Elimina
    2. Visto fuori città lunedì scorso ...ne valeva la pena.
      p.s. Torno anche per dirti che da me c'è una cosa per te, come si dice in questi casi :)

      Elimina
  2. provare a pensare solo per un attimo a ciò che vivono gli altri.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa @Nico, ho cancellato per sbaglio il tuo interessante commento.

      Elimina