domenica 2 agosto 2020

Strage fascista


22 commenti:

  1. Ero al 2° anno di università a Bologna.
    Una città che amo e che mi è rimasta nel cuore.

    youtu.be/_YEiyy5IUGs

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho un ricordo personale di quel giorno. Non dimentichiamo!

      Elimina
  2. Risposte
    1. E' stato dato un nome agli esecutori della strage fascista, ora diamo un nome a chi l'ha voluta!

      Elimina
  3. Non dimentichiamo questa strage fascista, anche perché, pur avendo avuto alcune condanne, non sono mancati depistaggi e, come dici tu da me, non sono stati presi i mandanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mentre i parenti delle vittime non possono smettere di soffrire, gli esecutori materiali di questa orrenda strage fascista, sono liberi anche se riconosciuti colpevoli.

      Elimina
  4. Ciao Berica, abbiamo dei ricordi in comune.
    Non smettiamo di parlarne che è quello che vorrebbe la destra.

    RispondiElimina
  5. Ps: da oggi sei nel mio blogroll.

    RispondiElimina
  6. Non dimentichiamo mai ... l'Italia tutta dovrebbe fermarsi il 2 agosto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fermarsi a riflettere e ad elaborare la storia repubblicana come (purtroppo) non abbiamo ancora fatto per il "ventennio". Correre per la "crescita" inibisce l'attività del pensiero critico.

      Elimina
  7. Chiesi un pèermesso al lavoro e partii con un giorno d'antcipo. bologna la storia di tutti, anche di chi non c'è mai stato e di chi non era ancora nato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Colpire Bologna per il suo alto valore simbolico... di quel valore facciamo tesoro condiviso.

      Elimina
  8. ho ascoltato al tg il discorso della presidente del Senato, berlusconiana, e ancora una volta è stato un discorso di fumo e di vero e proprio depistaggio. Le sentenze ci sono, perché non citarle? (domanda retorica, sappiamo tutti fin troppo bene perchè gli "sdoganatori" del MSI nel 1993 non le citano)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con la tua sintetica analisi. Grazie per essere passato di qui. Ciao.

      Elimina
  9. Come ho scritto anche in altri blog che ho visitato oggi più che mai è importante ricordare visto come sta andando la nostra società.

    Allo stesso modo non bisogna perdere la speranza che ci siano nuove prove o nuove indagini.

    Certo, in quel 1980 di drammi ne abbiamo vissuti non pochi, come il volo Itavia a Ustica.
    Un salutone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordare e celebrare non sono solo necessarie elaborazioni del lutto,ma indispensabili antidoti per restare consapevoli e umani.

      Elimina
  10. Risposte
    1. La memoria ci insegna e indica la strada. L'oblio, semplifica, banalizza e appiattisce i fatti, impedendo la consapevolezza.

      Elimina
  11. Noi non dimentichiamo, molti invece continuano a negare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il nostro ricordare sommergerà la loro inconsapevolezza

      Elimina